BIG DATA

011 databaseBig Data Analysis: analisi dei big data della quotidianità, dai flusso delle persone nei luoghi turistici ai numeri delle partite di calcio, attività relative alla cyber security e la sicurezza dei cittadini.

LA SCIENZA IN VALIGIA

La Scienza in Valigia

La Scienza In Valigia è un progetto di divulgazione scientifica diretto da Marco Santarelli K. e il suo staff.

Il progetto parte da lontano, da quando Margherita Hack, della quale Santarelli è stato co-autore, era ancora in vita. Iniziato come cartone animato, ad oggi si sviluppa in diverse modalità, dalla rappresentazione teatrale al format televisivo presentato da TV internazionali e nazionali (tra cui Sky, Marcopolo e Discovery Channel), laboratorio in scena, libro di testo illustrato e

Leggi tutto...

INTELLIGENCE & GLOBAL DEFENCE

Stiamo costruendo da anni una sezione di “Intelligence & Global Security Defense”. Un progetto con origini lontane e che mira ad essere punto di riferimento di Ministeri e Organizzazioni mondiali con visioni della Security Personale e Aziendale. Grazie a strumenti diversi, Res propone un contenitore unico ed integrato per tutti gli “spazi vitali”, dallo spazio Fisico, terrorismo ed eventi catastrofici, a quello Cyber, dall’Intelligence alla Travel Security, dalla Business Continuity, al predictive analysis al Management del Crisis. Dati e persone in un connubio vincente e solido. Interpretazione dati e incrocio di dati in ogni ambito considerando la possibilità di trovare soluzioni immediate e capaci di intervenire a 360 gradi per evitare anche danni maggiori ad eventi vari. Stiamo lavorando alla razionalizzazione di progetti e ottimizzazione delle comunicazioni il cui progetto pilota è il progetto «Isola delle Reti» su Stresa, su isole madri e Scareno con applicazioni su energia e turismo, dei processi grazie ai progetti alla collaborazione con esperti mondiali e all’efficientamento delle risorse e degli investimenti, all’ottimizzazione ed allo sviluppo delle competenze delle nostre persone.

ELASTICENERGY: L'ENERGIA MODULABILE

elasticenergyElasticEnergy è un progetto brevettato che Marco Santarelli K., ripercorrendo le sperimentazioni del fisico serbo Nikola Tesla, ha sviluppato in team con esperti internazionali. Consiste nella trasmissione dell'energia senza fili, sfruttando esclusivamente fonti rinnovabili e ambientali.

progetto elasticenergy

ElasticEnergy: energia modulabile è un progetto volto alla produzione di energia senza fili, sfruttando esclusivamente fonti rinnovabili e ambientali, la cui struttura è stata brevettata da Marco Santarelli K. (integrazione al brevetto BiroRobot). L’obiettivo delle  sperimentazioni è la trasmissione di energia senza fili per grandi distanze, tra apparecchiature elettriche o elettroniche, basandosi su un principio dimostrato già da Nikola Tesla nel 1893. Funziona sfruttando il principio della risonanza reciproca. Ma, anziché avere una base a cui collegarsi, l’energia viene prodotta da mix energetico in base al contesto.

Leggi tutto...

BIROROBOT: L'INTELLIGENZA DEL FUTURO

BirorobotBiroRobot è un dispositivo brevettato da Marco Santarelli K. che, tramite il suo algoritmo interno, porta a termine una diagnosi dei consumi energetici in tempo reale in differenti tipi di edifici, identificando ogni causa possibile di spreco e misure di mitigazione correlate.
Leggi tutto...

PROGETTO ISOLA DELLE RETI

Stresa Isola delle reti

Il Progetto “Isola delle Reti” vuole portare sull'Isola dei Pescatori, Stresa (VB), in collaborazione con enti internazionali, una sperimentazione delle Reti di Tesla, per la distribuzione gratuita di energia elettrica e autosufficienza della stessa, così come sta già accadendo in altre grandi e piccole isole, che, oggi, dai Mari del Nord all’Oceano Pacifico, sono diventate un cantiere di innovazione energetica, dimostrando come sia possibile puntare sulle rinnovabili per rispondere a tutti i fabbisogni energetici.

Leggi tutto...

CUBE

cubeIl progetto Cube, in collaborazione con Spinozzi Costruzioni Group, mira alla realizzazione di spazi abitativi autosufficienti dal punto di vista energetico e dotati di innovativi sistemi antisismici. Vincitore della Poster Session di Ecomondo 2016 con l'abstract "Il Riciclo Smart-Green", cuore del progetto Cube.
progetto cube

PROGETTO CUBE: CASA AUTOSUFFICIENTE

Ci proponiamo di applicare una ricerca scientifica direttamente all'industria, passando attraverso un sistema che vuole promuovere un "patto" economico connesso alle nuove costruzioni e alle riqualificazioni energetiche, secondo le sue direttive fondamentali del momento: produzione da fonti rinnovabili e promozione dell'efficienza energetica. Il punto cardine è produrre energia con materiali riciclati che diventano funzionali alle abitazioni (dalla casetta per attrezzi del giardino ai complementi d'arredo ecc.), che si sposano con le tecnologie più innovative. Dalla vernice fotovoltaica, agli orti verticali, ad alberi con celle di silicio. Durante il giorno questi arredi resteranno aperti, inglobando calore e luce solare; di sera le enormi celle di silicio degli alberi si chiuderanno, dando vita a suggestivi lampioni con graduale rilascio di calore, che verrà recuperato per la produzione di energia termica al fine di scaldare le abitazioni.

Piccole antenne, che utilizzano le Reti intelligenti con algoritmo brevettato MSK, trasmetteranno energia senza fili, regoleranno l’intensità della diffusione della luce in base all’avvicinamento delle persone di notte, saranno on-demand e attiveranno alert di sicurezza. Ci saranno colonnine per le cariche di auto e bici elettriche e servizi derivanti dall'energia prodotta (bistrot, ristoranti e bar ad impatto zero). Un'area "grezza" diventerà nuovo epicentro di attenzione all’ecologia per i cittadini, attraverso comportamenti virtuosi e anti spreco.

L’obiettivo è abbattere totalmente il consumo di energia attraverso queste superfici radianti, inserendo anche giardini pensili, sistemi di ventilazione a incremento delle naturali correnti d’aria, sistemi di raffreddamento a vapore, lastre rinfrescanti e pannelli con effetto oscurante e ombreggiamento delle facciate esterne. Sensori automatici attiveranno o meno caratteristiche e funzioni ad hoc, in correlazione con il flusso che si genererà. Quindi attivazione di un sistema ecologico smart-green, che ricicla le risorse naturali. Dal terreno uscirà una città del prossimo millennio con energia, acqua e gas a km 0.

MINIEOLICO E IDROELETTRICO

minieolicoProgetti di riqualificazione di impianti idroelettrici e su energia eolica, in collaborazione con Ecoservizi Group.

 

 

progetto mini eolico da aria forzataPROGETTO MINIEOLICO

 Tre elementi giocano a favore dell’energia eolica: è assolutamente pulita dal punto di vista ecologico, è rinnovabile e la materia prima è a costo zero.

Quando si parla di mini eolico ci si riferisce ad un impianto eolico di piccola taglia predisposto per produrre energia elettrica sfruttando la forza del vento. Questa tecnologia rinnovabile si basa su un principio molto semplice: l’energia cinetica del vento viene trasformata in energia meccanica e dopo in energia elettrica. Ciò è possibile grazie al movimento delle pale eoliche.

Il progetto Mini Eolico da Aria Forzata, in collaborazione con Ecoservizi Group, sfrutta il principio di inerzia derivante dall’aria forzata sulla pala mini eolica per produrre energia.

idroelettricoPROGETTO IDROELETTRICO

In collaborazione con Enel Holding e Enel Green Power, leader in Italia nella geotermia, nell’idroelettrico e nell’eolico, Società del Gruppo Enel dedicata allo sviluppo e gestione delle attività di generazione di energia a fonti rinnovabili, ReS On Network e Ecoservizi Group hanno strutturato un progetto di riqualificazione delle centrali idroelettriche dismesse in Italia e all’estero.

 

 

 

RE-TRIV E SEAENERGY

re trivEnergia in Rete, produzione di energia da fonti rinnovabili, tra cui il moto ondoso, e riqualificazione delle piattaforme petrolifere dismesse nell'area adriatica abruzzese.

 

PROGETTO RE-TRIV e SEAENERGY

 

Il progetto RE-TRIV ha come obiettivo la produzione di energia pulita, sfruttando il movimento delle onde del mare. Tale progetto è suddiviso in due fasi: la fase iniziale, cuore pulsante del progetto, da noi denominata SeaEnergy, che prevede la sperimentazione di un sistema di boe tra loro legate, che collegano le piattaforme petrolifere dismesse alla Torre del Cerrano; una seconda fase, RE-TRIV per l’appunto, che consiste nella realizzazione di vere e proprie stazioni energetiche definitive e fisse con le boe all'interno delle piattaforme stesse e in questo caso il trasporto di energia avviene attraverso le tubature sottomarine.

Leggi tutto...

Questo sito utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza sul sito. Continuando la navigazione autorizzi l'uso dei cookie.